elementary OS Luna: prima build, prime impressioni!

Eccoci nuovamente qua, io e voi. Dopo aver interrotto l’attività del blog per vari ed ovvi motivi oggi torno a con una bomba, una vera e propria bomba: una recensione della build della giornata odierna di elementary OS 0.2, Luna. Ci sono tante novità riguardo il mondo di elementary e piano piano ve le integrerò una ad una.

ATTENZIONE: La versione di cui ho parlato in questo post risulta essere una versione per sviluppatori e altamente instabile. Le considerazioni presenti quindi sono legate ad una build instabile. “soon” dovrebbe arrivare una versione beta ufficiale, ci sarà una recensione anche per quella.

Download etc.

In seguito alla notizia dell’apertura di un nuovo canale di SourceForge per le build di Luna annunciatami da Ivan e ribaditami da Mario, ho scaricato e masterizzato questa build di Luna. Dopo alcuni secondi di boot il sistema è pronto all’uso e ci permette di scegliere se installare o provare Luna, come possiamo vedere da questa immagine:

Dopo aver scelto “Prova elementary” il sistema si avvia in pochi secondi, e ci troviamo davanti al classico destkop Pantheon, presentato su questo blog in più riprese. Troviamo sempre Wingpanel come pannello superiore, Plank per la dock e Slingshot come applicazione per il menu. Dopo qualche piccolo sfarfallio, l’ambiente si stabilizza ed è possibile provare al meglio questa interessantissima, ed instabilissima buid.

Primo approccio, comparto software etc.

Siamo davanti sicuramente ad una grande distro, dove vige la regola: viva il minimale. È appunto il minimalismo, in tutte le sue forme a fare da padrona in questa build. Minimale è ancora la dotazione software che ci presenta:

  • Midori come browser web
  • Postler come client email
  • Scratch come text editor
  • Pantheon terminale come terminale
  • Empathy come client IM
  • Dexter come contact manager
  • Maya come calendar
  • Lingo come  dizionario
  • BeatBox come player musicale
  • Switchboard come control-center

Troviamo anche Orca per l’accesso facilitato, l’USC (Ubuntu Software Center), Evince per la lettura dei .pdf, Totem come player multimediale, Brasero come cd ripper, Xscane per la gestione dello scanner, Shotwell come gestore delle fotografie e il classico file-roller.

1. Midori

È il browser presentato ed utilizzato di default su questa build di Luna, aggiornato alla recentissima versione 0.44 svolge il suo lavoro senza giganteschi bug. Tutto sommato un buon prodotto, dato anche il recente passaggio alle GTK+3.

2.  Postler

Il miglior client di posta su GNU/Linux secondo me, offre prestazioni e semplicità in pochi mb di peso e di consumi. Funziona anche il fullscreen senza alcun problema.

3. Scratch

È il text editor di elementary, sicuramente l’unico che può stare dietro a tanto amato Gedit. Il lavoro di Mefrio (parte della comunità Italiane di elmentary, andata dimenticata) si fa sentire. Il software risulta essere semplice e completo e permette di svolgere sia le operazioni più semplici come la stesura di un “plain text” sia la modifica di file in .c (per esempio) con tanto di syntax highlight.

4. Phanteon Terminal

È l’unico software che non funziona, si avvia una nuova shell ma non è possibile digitare alcun comando. Davvero un peccato date le potenzialità che questo software possiede.

5. Empathy

Client IM di GNOME, nulla di nuovo solita minestra. Mi sarei aspettato di vedere Graham.

6. Dexter

C’è tanto di Italiano in elementary OS, infatti la versione che troviamo qua disponibile è quella scritta da Mefrio, che ha portato da Python a Vala questo semplice tool. Ottimo lavoro, anche se c’è ancora da integrare alcune funzioni viste nei mockup passati.

7. Maya

Il calendario di elementary OS ora funziona, finalmente. È possibile ora aggiungere gli impegni, selezionare la data etc. manca ancora la possibilità di importare ed esportare su iCalc e Outlook.

8. Lingo

Il vocabolario di elementary, per ora non supporta l’italiano. Non ci sono grandi modifiche rispetto alle precedenti versioni.

9. BeatBox

Il player di elementary è arrivato alla versione 0.3. Risulta essere più maturo ed aver acquisito una vera e propria identità nonostante la somiglianza con iTunes.

Le varie “view” di BeatBox, insieme alle numerose funzioni (cfr. BeatBox, prova su strada) rendono questo un prodotto davvero interessante.

10. SwitchBoard

È sicuramente il software che aspettavo di più. La serie di plug sviluppati per questo non è disponibile sul PPA al di fuori di plug wallpaper e plank. La compatibilità con alcuni “plug” presenti su gnome-control-center è garantita dal pacchetto switchboard-gnome-control-center, disponibile nel PPA daily.

A me il default, non piace.

Non essendo soddisfatto appieno dai pochi software elementary disponibili, ho messo mano al Ubuntu Software Center ed ho scaricato alcuni software come Snap, Footnote e Feedler. Di questi però ci occuperemo in seguito. Anche qua, in Snap c’è lo zampino di Mefrio.

Considerazioni Finali

È questa forse la parte che non vorrei scrivere. Sono rimasto un po’ deluso non tanto dalla build in sé, che è una build e risulta instabile per definizione, bensì per lo stato di sviluppo di alcuni tool “antichi” come Maya. Ubuntu 12.04 uscirà tra un mese circa, e Luna dovrebbe seguirla a ruota, dopo uno-due mesi.

Il lavoro da fare è davvero tanto, tanto, tanto. Sono ovviamente molto soddisfatto dell’integrazione dei vari componenti, dello sviluppo di alcuni software (BeatBox, Switchboard nello specifico); sono molto fiducioso per il rilascio finale per Luna. Rilascio finale inteso come completamento dell’ecosistema elementary disegnato ed abbozzato in questi mesi, le basi ci sono tutte, speriamo in un grande rilascio.

Informazioni su Gusions

Innovative blogger. Tech editor for various sites, GNU/Linux old standing blogger & Instagramer full time.
Questa voce è stata pubblicata in Aggiornamenti, Recensioni. Contrassegna il permalink.

4 risposte a elementary OS Luna: prima build, prime impressioni!

  1. picchiopc ha detto:

    Ma tema e dock a parte a me pare Gnome Shell, non ho visto il tanto atteso sviluppo di Phanteon il DE fork di Gnome Shell. Peccato è un bel progetto che secondo me meritava molto visto tutti gli sviluppatori che ha coinvolto e tutti i nuovi tools sviluppati. Ma perché si è arenato ?

  2. Richard ha detto:

    dove troviamo questo build?

  3. Anthony ha detto:

    Yes I too would like to find this build. (http://sourceforge.net/projects/eosbuilds/files/) I searched Sourceforge for elementary OS and found this torrent file, but sadly there are too few seeds. (I am currently downloading at 0.8kb/s 😦

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...